comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BARBERINO DI MUGELLO
Oggi 16°20° 
Domani 16°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News mugello, Cronaca, Sport, Notizie Locali mugello
domenica 07 giugno 2020
corriere tv
Incidente Arezzo, al Tg1 le immagini dell'auto che sbanda prima dell'impatto

Attualità lunedì 21 dicembre 2015 ore 12:41

Vita dura per i furbetti della spazzatura

Sono stati approvati i regolamenti per la videosorveglianza ambientale consentendo così ai Comuni di sottoporre a controllo le zone del territorio



MUGELLO — Le fotocamere sono state posizionate, altre verranno installate in questi giorni, presso le aree di raccolta, dove sono situati i cassonetti e le campane per la raccolta differenziata. Il regolamento tipo lo ha stilato la polizia municipale Unione Mugello per poi sottoporlo all’esame dei Comuni affinché ciascuno lo adottasse. 

Spesso a causa della maleducazione e l’inciviltà di alcuni le aree attorno ai cassonetti, specie nelle frazioni o nelle zone più periferiche del capoluogoi, vengono ridotte in vere e proprie discariche a cielo aperto con rifiuti di ogni genere - vecchi divani o mobili a pezzi, tv ed elettrodomestici fuori uso, contenitori e materiali - abbandonati e accatastati. Con un aumento del degrado urbano. 

Per intervenire e cercare di stroncare questo fenomeno i cassonetti e le aree maggiormente a rischio discarica saranno sorvegliati speciali, presidiati da fotocamere, che saranno posizionate a rotazione. Dicomano e Barberino sono stati i primi Comuni mugellani a adottare il regolamento, mentre Borgo San Lorenzo e Scarperia e San Piero lo hanno fatto di recente. E passato un periodo di sperimentazione, nei due primi comuni gli apparecchi sono stati attivati. E si sono già pizzicati dei furbetti, 11, a scaricare abusivamente rifiuti o a conferirli non correttamente (ad esempio gettando materiale plastico nei contenitori per la carta). 


“Queste azioni non sono, e non sono più, tollerabili - ha spiegato il presidente dell’Unione montana dei Comuni del Mugello Federico Ignesti -perché rappresentano un danno all’ambiente, e oltre a deturpare il paesaggio e creare degrado urbano, costituiscono un costo per la collettività. Cattive abitudini di alcuni che paghiamo tutti nelle bollette per maggiori servizi di pulizia, smaltimento e raccolta. Cattive abitudini che vanificano gli sforzi dei Comuni nella gestione dei rifiuti e la raccolta differenziata, a cui - afferma - dobbiamo dare uno stop”. 

“La videosorveglianza - ha precisato il comandante della polizia municipale Unione Mugello Paolo Baldini - costituisce un importante ausilio per tutte le attività degli organi di polizia mirate al controllo del territorio, ed in particolar modo per una efficace tutela dell’ambiente alla quale è rivolta la specifica attività svolta da questo Comando, che ha consentito già nel primo effettivo mese di utilizzo di accertare - conclude - nel territorio di Dicomano sette errati conferimenti di rifiuti e a Barberino di Mugello quattro abbandoni di ingombranti”.


Le sanzioni previste possono arrivare fino a 480 euro per gli errati conferimenti e fino a 3mila euro per gli abbandoni dei rifiuti. Se a compiere tali azioni sono titolari di impresa, scattano le sanzioni penali.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità