Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:BARBERINO DI MUGELLO15°31°  QuiNews.net
Qui News mugello, Cronaca, Sport, Notizie Locali mugello
giovedì 19 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Attualità martedì 25 gennaio 2022 ore 16:52

Medaglie d'onore alla memoria per 5 deportati

deportati

A ritirare l'onorificenza, concessa dal presidente della Repubblica e consegnata dal prefetto, saranno i familiari delle vittime del nazismo



FIRENZE — Sono Renato Ceccarelli, Alberto Lupi, Giuseppe Minucci, Guglielmo Petrucci e Pierino Spanò. Erano cittadini residenti in provincia di Firenze, sono vittime del nazismo, deportati nei campi di concentramento e ormai deceduti. A loro il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha concesso le medaglie d'onore che il prefetto di Firenze Valerio Valenti consegnerà ai familiari il 27 Gennaio prossimo in occasione del Giorno della Memoria.

La cerimonia, in considerazione della situazione legata al Covid-19, si svolgerà senza pubblico nella sede fiorentina della prefettura, in Palazzo Medici Riccardi. Il riconoscimento verrà ritirato da un familiare per ciascuno di loro. Ecco nel dettaglio chi sono gli insigniti.

Renato Ceccarelli, internato a Hammerstein e Oberlangen (Germania) e Deblin Irena (Polonia) e deportato dal 10 Settembre 1943 al 6 Ottobre 1944. Ritirerà la medaglia il nipote Riccardo Sacchettini.

Alberto Lupi, internato nello Stalag X B a Sandbostel e nello Stalag XI B a Fallingbostel e a Ullzen (Germania) e deportato dal 10 Settembre 1943 all’11 Settembre 1945. Ritirerà la medaglia il figlio Roberto Lupi.

Giuseppe Minucci, internato a Altengrabow e Vockerode (Germania) e deportato a decorrere dal 9 Settembre 1943. Ritirerà la medaglia la figlia Antonella Minucci.

Guglielmo Petrucci, internato a Drewitz e Sandbostel (Germania) e a Deblin (Polonia) e deportato dall’8 Settembre 1943 al 14 Aprile 1945. Ritirerà la medaglia il nipote Valdo Spini.

Pierino Spanò, internato a Lebach (Germania) e deportato fino al 13 Dicembre 1944. Ritirerà la medaglia il nipote Andrea Cencetti.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato metropolitano sull'andamento dei contagi rilevato nelle ultime 24 ore ha imboccato la via della flessione. Tutti gli aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità