Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:54 METEO:BARBERINO DI MUGELLO12°21°  QuiNews.net
Qui News mugello, Cronaca, Sport, Notizie Locali mugello
venerdì 07 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Laura Boldrini racconta la sua malattia: «Ho scoperto per caso il tumore: è stata come un'onda anomala che mi ha travolto»

Attualità martedì 27 aprile 2021 ore 11:11

Sì dehor ma no stazionamento e scoppia la polemica

Cna, Confesercenti e Confcommercio hanno invitato il sindaco a vigilare sul rispetto delle norme per scongiurare il fenomeno della concorrenza sleale



BORGO SAN LORENZO — In Mugello è arrivato il via libera all'uso del suolo pubblico per la somministrazione all'aperto ma poi è scoppiata una polemica sull'ordinanza che vieta lo stazionamento all'aperto.

Il sindaco Paolo Omoboni ha concesso i dehor ma al tempo stesso ha deciso di vietare lo stazionamento in alcune piazze del paese per evitare assembramenti. 

L'ordinanza prevede fino al 15 Maggio 2021 che nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, dalle ore 16 alle ore 22, è vietato lo stazionamento per le persone, ad esclusione di soggetti diversamente abili e relativi accompagnatori. salva l’attesa in coda per poter accedere agli esercizi pubblici ed agli esercizi commerciali legittimamente aperti nel rispetto delle distanze minime interpersonali, in Piazza Dante, Piazza del Popolo, Piazza Garibaldi e Piazza Cavour, Piazza Gramsci.

Il presidente della delegazione mugellana di Confcommercio Dario Cenci ha commentato “Comprendiamo la ratio del provvedimento preso dal sindaco Omoboni: vanno evitati in ogni modo assembramenti che possono essere fonte di contagio, purtroppo, il comportamento di pochi irresponsabili compromette la libertà di una comunità intera, ma il momento è troppo delicato per poter fare dei distinguo. Quindi ben vengano le misure adottate, seppur impopolari, che servono proprio a tenere sotto controllo la situazione legata alla pandemia. Se vogliamo riaprire tutto e tornare alla vita di prima, dobbiamo imparare a convivere con il virus osservando comportamenti responsabili. E servono anche più controlli per punire chi non sta alle regole. Facciamo appello al senso civico di ciascuno: il prezzo più alto di questa pandemia l’hanno pagato ovviamente quanti ci hanno lasciato la vita, ma anche imprenditori e lavoratori hanno pagato un prezzo altissimo. Chiediamo a tutti di mettersi una mano sulla coscienza: per noi chiudere un’altra volta significherebbe la fine”.

Cna, Confesercenti e Confcommercio, nel ringraziare il Comune di Borgo San Lorenzo per l’installazione di dehors e l’occupazione di suolo pubblico, hanno però invitato l’amministrazione a vigilare “E' importante che le norme siano rispettate in modo uniforme da tutti: in campo economico, a maggior ragione in periodi di crisi come l’attuale, anche la minima difformità rispetto a quanto sancito dalle norme rischia di trasformarsi in concorrenza sleale”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cresce ma in maniera ridotta anche la curva epidemiologica del Mugello. La Città metropolitana ha registrato 284 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS