QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BARBERINO DI MUGELLO
Oggi 11° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News mugello, Cronaca, Sport, Notizie Locali mugello
martedì 12 novembre 2019

Cronaca giovedì 07 novembre 2019 ore 13:33

Forteto, Fiesoli ricorre alla Corte europea

La Corte europea per i diritti dell'uomo

Il fondatore del Forteto, condannato in via definitiva dalla Cassazione per abusi, presenterà ricorso alla Corte europea per i diritti dell'uomo



FIRENZE — Il fondatore della comunità del Forteto di Vicchio del Mugello, Rodolfo Fiesoli, ritiene di aver subito un processo non equo. E il giorno dopo il pronunciamento della Cassazione che lo ha condannato in via definitiva a 14 anni e dieci mesi di carcere per gli abusi inflitti ai minorenni affidati al Forteto, ha deciso di incaricare i suoi legali di presentare ricorso alla Corte europea per i diritti dell'uomo.

Quando è stato informato della condanna definitiva Fiesoli, 78 anni, si è consegnato ai carabinieri di Padova, la città più vicina al luogo in cui si trovava in quel momento, e adesso è in carcere (vedi qui sotto gli articoli collegati).

"La condanna e la carcerazione di Fiesoli sono un misero contentino, fare giustizia ormai è impossibile - ha commentato uno dei difensori delle vittime, l'avvocato Giovanni Marchese - Fiesoli viene arrestato ma per quarant'anni ha fatto quello che voleva e il disastro che ha provocato è irreparabile. Ci sono famiglie devastate, fratelli e sorelle che non si parlano più. Anche per quanto riguarda la parte economica, a parte pochi che sono stati risarciti, molte vittime adesso sono in gravi difficoltà economiche. Dire che con l'arresto di Fiesoli si chiude un capitolo è offensivo per le vittime. E intanto la commissione parlamentare d'inchiesta sul Forteto non parte perchè si litiga su chi deve presiederla".



Tag

Maltempo, fiumi di fango per le strade di Matera

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità