Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:15 METEO:BARBERINO DI MUGELLO24°36°  QuiNews.net
Qui News mugello, Cronaca, Sport, Notizie Locali mugello
sabato 20 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, l'inseguimento e il furto dell'orologio nell'hotel di lusso
Milano, l'inseguimento e il furto dell'orologio nell'hotel di lusso

Imprese & Professioni venerdì 01 giugno 2018 ore 10:15

GP d'Italia, al Mugello riparte la caccia a Marc Marquez

È l’appuntamento più atteso in Italia, la vetrina più importante per vedere all’opera i centauri italiani di MotoGp, Moto2 e Moto3.



MUGELLO — Tutti i piloti del Motomondiale 2018 saranno in scena nel prossimo weekend per l’edizione numero 33 del Gran Premio d’Italia, che si disputa sul circuito del Mugello. Un tracciato storico per il motociclismo, che ha corso tra le colline toscane per la prima volta nel 1976 per il Gran Premio delle Nazioni che vide trionfare Barry Sheene e la Suzuki. La dominatrice assoluta del Gran Premio italiano è però la Honda, che nel suo palmares vanta 16 trionfi e 31 podi nella “classe regina”. La casa nipponica manca però sul gradino più alto del podio dal 2014, quando a vincere fu Marc Marquez, autore anche della pole e del giro più veloce.

Ha senza dubbio minor feeling con il tracciato italiano Dani Pedrosa, il cui ultimo successo risale al 2010 quando passò tutta la gara in testa. In Italia, infatti, lo spagnolo è arrivato per ben cinque volte a ridosso del podio e i continui problemi fisici che lo affliggono non lo posizionano certo tra i favoriti per questa edizione. Anche in virtù del particolare feeling della Honda con il tracciato del Mugello, il favorito numero uno della vigilia non può che essere Marc Marquez. Il campione del mondo in carica è volato in testa alla classifica a suon di vittorie e ha sfruttato al meglio errori e cadute dei diretti avversari, Dovizioso su tutti, ma in Toscana non vince da quattro anni e nel 2015 ha fatto anche registrare il suo peggior piazzamento in qualifica in tutti i 95 Gran Premi disputati nella massima serie.

Se Marquez è però il grandissimo favorito della vigilia, è importante non sottovalutare l’orgoglio e le potenzialità della folta truppa italiana, che al Mugello ha sempre sfoderato prestazioni maiuscole e che intende confermarsi come principale alternativa al pilota spagnolo. Gli occhi sono puntati principalmente su Andrea Dovizioso. Il ducatista, fresco di rinnovo con la casa di Borgo Panigale, ha trionfato nell’ultima edizione italiana in una giornata di grande festa per i colori italiani e non vede l’ora di scendere in pista sulle curve di “casa” per riscattare le ultime brutte prestazioni che gli hanno fatto perdere punti importanti dalla vetta del mondiale. Possono essere considerati outsider “di lusso”, invece, gli altri due italiani, Danilo Petrucci e Andrea Iannone. Il ducatista è reduce da uno splendido secondo posto a Le Mans e l’anno scorso al Mugello centrò un inaspettato terzo posto, mentre il pilota della Suzuki, dopo due terzi posti consecutivi, ha voglia di riscattare lo zero in classifica fatto registrare in Francia.

Capitolo a parte merita invece Valentino Rossi. Il “dottore”, alla soglia dei 40 anni è il vero recordman del Mugello, dal momento che sul circuito toscano vanta 7 vittorie consecutive dal 2002 al 2008 e ben 10 podi. In Italia, il numero 46 della Yamaha potrebbe eguagliare il suo record di vittorie ad Assen e quello del mitico Giacomo Agostini a Spa, anche se non riuscirebbe comunque a raggiungere le 10 vittorie fatte registrare da “Ago” sul circuito di Imatra. Potrebbe aiutarlo la Yamaha, che in Toscana ha raccolto ben 12 vittorie, ma il lungo digiuno di vittorie della casa di Iwata, che non sale sul gradino più alto del podio da 15 Gran Premi, può preoccupare. A dare man forte al “dottore” ci penseranno i giovani Vinales e Zarco: lo spagnolo ha voglia di riscatto dopo un inizio di stagione non esaltante mentre il francese, vera sorpresa della prima parte del Mondiale, ha intenzione di riscattare nel più breve tempo possibile la caduta del circuito di casa.

Sembrano invece ridotte le possibilità di Jorge Lorenzo. Il “porfuera”, autore di 2 vittorie consecutive nel 2015 e nel 2016, non riesce a trovare ancora il feeling con la sua Ducati, ma con il Mugello ha un legame particolare e potrebbe riportarsi con orgoglio sul podio, dove la casa italiana è riuscita a salire in 10 occasioni, compresi gli ultimi 3 Gran Premi. Poche opportunità, infine, per gli altri outsider, come Crutchlow e Miller, che sperano in una gara movimentata per portare a casa un risultato di sicuro prestigio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Soglie Isee più elevate e importi più consistenti nelle nuove erogazioni che riguardano circa 1.700 studenti e studentesse. Scadenze e importi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità