QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
BARBERINO DI MUGELLO
Oggi 17°30° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News mugello, Cronaca, Sport, Notizie Locali mugello
domenica 15 settembre 2019

Attualità venerdì 05 luglio 2019 ore 17:02

​Terapia anticoagulante, novità per i pazienti

Con la nuova gestione del percorso sanitario gli ambulatori risulterebbero superflui, per questo motivo l'azienda ha predisposto alcune chiusure



FIRENZE — Dopo la chiusura lo scorso anno dell’ambulatorio per il monitoraggio della terapia anticoagulante orale dell’ospedale di Santa Maria Annunziata, prosegue il percorso di riorganizzazione dell’attività di monitoraggio dei pazienti in terapia, con la chiusura dell’ambulatorio dell’ospedale del Mugello.

La sospensione dal 1° luglio dell’attività, rientra in un percorso di nuova gestione che coinvolge direttamente il medico di medicina generale come previsto dalla giunta regionale toscana. "Con il medico di famiglia, figura di riferimento in questo nuovo percorso che mira a migliorare la gestione della terapia anticoagulante, la presenza dell’ambulatorio all’interno all’ospedale è quindi diventata superflua" spiega la Asl nin una nota. All’interno dell’ospedale del Mugello resta attivo l’ambulatorio TAO di secondo livello per la gestione dei casi più complessi. L’accesso è attivabile dal medico curante e viene gestito su appuntamento, a seconda della problematica o dal medico di laboratorio analisi o dal medico internista o dal cardiologo.

Il paziente oggi "può ritirare il referto dell’INR, ovvero il calcolo che viene utilizzato nel monitoraggio dei pazienti in terapia con i farmaci anticoagulanti orali, già nella mattina in cui è stato effettuato il prelievo presso il proprio distretto e contemporaneamente riceverlo tramite SMS direttamente sul proprio cellulare o farlo ritirare da persona da lui autorizzata. A questo punto il coinvolgimento del medico curante diventa indispensabile perché è a lui che dovrà essere comunicato il risultato e sarà sempre lui a individuare i modi ed i tempi più idonei per formulare la prescrizione del calendario terapeutico".

"Il personale dirigente del laboratorio di analisi dove il paziente effettua il prelievo, continuerà comunque a comunicare direttamente al medico curante e al paziente i valori che risultino fuori norma perché la presa in carico possa essere tempestiva. Il nuovo modello organizzativo interesserà progressivamente anche gli altri ambulatori presenti sul territorio dell’area fiorentina per uniformare l’organizzazione dell’Ausl Toscana centro" conclude l'azienda.



Tag

'Chi non salta comunista è', i cori dei giovani della Lega a Pontida mentre parla Salvini

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità